Torre Santa Susanna

Torre Santa Susanna - Il Castello
Torre Santa Susanna - Il Castello


Torre Santa Susanna (Torri in dialetto brindisino) è un comune italiano di 10.537 abitanti della provincia di Brindisi.

 

Territorio

Posizione del comune di Torre Santa Susanna nella provincia di Brindisi
Posizione del comune di Torre Santa Susanna nella provincia di Brindisi

Il centro nella penisola salentina, a un'altitudine di 70 metri sul livello del mare ed è equidistante dalla costa adriatica e da quella ionica.

 

clicca sul banner

Cenni storici

Le origini del nome

Il toponimo di Torre Santa Susanna per la maggior parte degli storici ha origini incerte.

 

Molti studiosi ritengono valida la versione data da Girolamo Marciano (1571-1628), il quale sostiene che Annibale posizionò uno dei suoi accampamenti presso il Casale di Crepacore. In prossimità di queste zone ci fu una cruenta battaglia fra i suoi soldati e gli Oritani in quanto il condottiero voleva conquistare la città di Oria (tant’è che ancora oggi esiste una zona chiamata “La Sconfitta”). Il Prefetto di Roma, residente a Oria, per fortificare la città in modo da non subire altri attacchi nemici, fece erigere due castelli, entrambi aventi svariate torri, nei punti che ritenne più strategici: uno venne costruito dove sorge attualmente Torre Santa Susanna; l'altro ad Avetrana. Lo storico Girolamo Marciano sostiene che un soldato romano, fedele all'Imperatore e nello stesso tempo cristiano, che custodiva il castello sorto nella zona di Torre Santa Susanna, dipinse l'effigie di Santa Susanna su una parete di una torre del castello. In seguito cominciarono a sorgere intorno alla fortezza agglomerati di casupole e a questa zona fu dato il nome di Turris Sanctae Susannae.

 

Emblema dello stemma

Stemma di Torre Santa Susanna
Stemma di Torre Santa Susanna

Lo stemma di Torre Santa Susanna ha lo sfondo azzurro e raffigura una torre d’oro a due piani: nel primo ripiano ci sono una porta ed una finestra; mentre nel secondo solo una finestra. 

 

Le origini e la storia

 

La storia di Torre Santa Susanna è abbastanza complessa. Essa trae le sue origini dai Messapi i quali costruirono nella zona abitata una Turris Messapiorum che nella realtà era un granaio della vicina Oria. Costituiva un nucleo turrito posto a difesa e protezione della città di Oria, dandogli in questa maniera una funzione militare di prima difesa e di riserva di derrate alimentari.

I primi villaggi abitati erano distribuiti nelle contrade di Crepacore, Tubiano, San Giacomo, Galesano, Guidone, Torre Mozza, Campofreddo, Malvindi e Palombara. Questi insediamenti ebbero una notevole popolazione, come risulta dalle testimonianze archeologiche dell'epoca romana.

L'avamposto turrito si rafforzò maggiormente divenendo presidio militare, lo testimoniano le numerose cisterne e le varie fogge per il grano e per l'olio.

Torre Santa Susanna, disposta a poca distanza dalla via dei Messapi, l'attuale via Oria-Cellino, era anche vicina al Limitone dei Greci, linea difensiva che divideva a sud i Greci e a nord i Latini.

Con la decadenza di Roma, Torre e tutto il Salento cadde sotto il dominio dei Bizantini e fu invasa da una prima immigrazione di monaci Calogeriani nel V/VI sec.. In seguito altre immigrazioni porteranno sul suolo della Puglia i Basiliani, costretti ad emigrare a causa della persecuzione iconoclasta. La pacifica invasione perdurò sino al X secolo, lasciando nelle nostre contrade numerosissime testimonianze come eremi, laure, cenobi, cripte ecc.

La latinizzazione del Salento era, però, nelle mire del Papato che inviò i Benedettini nelle nostre contrade a questo scopo. Fu così che su ogni insediamento greco vi fu un insediamento latino.

I casali esistenti nel circondario di Torre furono abitati sino al X secolo, periodo questo che per motivi di sicurezza vide il depauperarsi della popolazione sempre più. Una ricca aggregazione di abitanti provenienti da questi casali avvenne sul sito che poi si sarebbe man mano ingrandito, divenendo Torre Santa Susanna. La trasformazione del luogo da Turris Messapiorum in Torre Santa Susanna avvenne nel XIII secolo, quando il Culto alla Santa si era oramai consolidato nel tempo.

Nella la cittadina si costruirono altre Torri sul posto ove erano state distrutte quelle più antiche per volontà espressa da Manfredi; nello stesso periodo si fa risalire la prima chiesa parrocchiale di Santa Susanna Vecchia, demolita degli ultimi suoi resti all'inizio del 1900.

Torre ebbe come feudatari i Guarini, i Paleano, i Dormio, gli Albrizi, i Lubrano, i De Angelis ed in fine i Filo. Ebbe come suoi patrioti: i Cursi, i Chiarelli, i Moccia, i Masi, i Rondini, i Conti, i Sollazzo, i Vita.

Testimoniano il periodo altomedioevale di Torre Santa Susanna: Santa. Maria di Galaso, San Pietro (o San Maria) di Crepacore, la Grotta dello Spasimo, la chiesa vecchia di Santa Susanna, San Giacomo e Tubiano. Delle testimonianze citate rimangono: Santa Maria di Galaso, San Pietro di Crepacore, La Grotta dello Spasimo.

 

Personaggi illustri

Attilio Calabrese (1535 - 1597) è un sacerdote.

 

Filippo Formosi (muore nel 1651) è un giurista, autore di molti manoscritti.

 

Gregorio Missere (1636 - 1708) è un sacerdote e celebre grecista. 

 

Pietro De Amicis (1705 - 1774) è un arciprete, rettore e professore di teologia.

 

Giuseppe Penna (1715 - 1771) è un sacerdote.

 

Pasquale Chiarelli (1730 - 1822) è un sacerdote e professore in alcuni pubblici ginnasi.

 

Vincenzo Mattei (1753 - 1824) è nominato Uditore del Tribunale di Trani dalla regina Maria Carolina, al tempo delle prime congiure giacobine.

 

Carlo Cursi (1765 - 1832) è un sacerdote, professore di lingua e letteratura greca e latina.

 

Oronzo Mattei (1768 - 1832) è nominato dalla regina Maria Carolina consigliere d’ambasciata a Vienna e in altre città europee.

 

Pietro Panarese (1781 - 1863) è un sacerdote.

 

Giuseppe Maria Conti (1797 - 1884) è uno studioso di storia e fervente sostenitore degli ideali risorgimentali. E’ stato anche consigliere comunale e sindaco di Torre S. Susanna.

 

Leonardo Moccia (1801 - 1852) è un vescovo cattolico. 

 

Ignazio Sollazzi Mattei (muore nel 1866) è un giurista.

 

Pompeo Vita (1808 - 1864) è un padre scolopio.

 

Vincenzo Muscogiuri (1808 - 1871) è un sacerdote. 

 

Lucio Muscogiuri (nasce nel 1819) è un padre scolopio e professore di filosofia e diritto.

 

Angelo Di Prezzo (1845 - 1904) è un sacerdote e scrittore.

 

Settimio Vitale (nasce nel 1852) è un musicista. 

 

Massimino Vitale (1868 - 1941) è un musicista.

 

D’Andria Francesco Paolo (Torre Santa Susanna, 1887 – 2 gennaio 1970) è un maestro elementare e scrittore.

 

Galasso Oscar (Torre Santa Susanna, 1898 – 1995) è un maestro elementare, commediografo e scrittore. 

 

Rodi Cesario (Torre Santa Susanna, 1908 – Bari, 1993) è un docente e scrittore.

 

Del Sorto Nunzio, all’anagrafe Lorenzo D’Ostuni (Pulsano, 1920) è uno scrittore. Risiede a Torre Santa Susanna. 

 

Carrozzo Vito Antonio (Torre Santa Susanna, 1921 – 2001) è un Carabiniere e scrittore.

 

Putignano Pinto Pietro (Torre Santa Susanna, 1928) è un insegnante e scrittore.

 

Bello Enrico (Torre Santa Susanna, 1931) è uno scrittore.

 

Sollazzi Donato (Torre Santa Susanna, 1931) è un militare e scrittore.

 

Pinto Vincenzo (muore a Torre Santa Susanna nel 1997) è un carpentiere, inventore e scrittore. 

 

Alfredo Miccoli (Torre Santa Susanna, 26 settembre 1936 – 20 ottobre 1977) è un militare e infermiere; fa parte del S.A.R. (Soccorso Aereo Regionale) e, quindi, il suo compito specifico è quello di prestare i primi soccorsi a tutti coloro i quali si trovano in difficoltà, siano essi militari o civili.

 

Leo Giovanni (Torre Santa Susanna, 1938 – Lecce, 2009) è uno scrittore.

 

D’Abramo Angelo (Torre Santa Susanna, 1940) è uno scrittore.

 

Cervellera Cosimo (Torre Santa Susanna, 1943) è un insegnante, appassionato di pittura, poesia e teatro. Ha scritto e messo in scena numerose commedie che hanno riscosso successo in Torre S. Susanna e in molti altri teatri d’Italia. Commedie popolari piacevolissime che, con particolare maestria, spaziano dal comico al drammatico e che contengono sempre un’elevata carica emotiva ed un profondo insegnamento morale.

 

Lombardo Giovanni Pietro (Torre Santa Susanna, 1947) è un docente e scrittore.

 

Carrozzo Arcangelo (Torre Santa Susanna, 1948) è uno scrittore.

 

Fazzi Antonio (Torre Santa Susanna, 1948) è uno scrittore.

 

Merico Antonio (Poggiardo, 1949) è un sacerdote e scrittore. Risiede a Torre Santa Susanna.

 

Michele Saccomanno (Torre Santa Susanna, 13 novembre 1951) è un politico.

 

Vergaro Maria Pompea (Torre Santa Susanna, 1951) è una giornalista e scrittrice.

 

Formosi Maria Caterina (Torre Santa Susanna, 1951 – 1996) è un medico e scrittrice. 

 

Antonucci Danilo (Torre Santa Susanna, 1954) è uno scrittore.

 

Missere Raffaele (Torre Santa Susanna, 1954) è un avvocato e scrittore.

 

Padula Salvatore (Torre Santa Susanna, 1954) è un docente e scrittore.

 

Costantini Vito (Torre Santa Susanna, 1958) è uno scrittore e insegnante di lettere e filosofia nelle scuole superiori. 

 

Diviggiano Giovanni (Torre Santa Susanna, 1958) è un infermiere professionale e scrittore.

 

Trinchera Antonio (Torre Santa Susanna, 1959) è un medico e scrittore. 

 

Varratta Sabatino (Torre Santa Susanna, 1959) è uno scrittore, appassionato di fotografia.

 

Cesaria Gino (Torre Santa Susanna, 1959) è un attore e regista teatrale; scrive e dirige alcuni cortometraggi e partecipa a fiction della tv pubblica e privata. 

 

Friolo Ornella (Torre Santa Susanna, 1961 – 13 gennaio 1991) è un medico e scrittrice.

 

Saccomanno Tiberio (Taranto, 1966) è uno scrittore. Risiede a Torre Santa Susanna.

 

Miccoli Giusi (Torre Santa Susanna, 1968) è una scrittrice.

 

Coppola Tiziana (Brindisi, 1974) è una scrittrice. Risiede a Torre Santa Susanna. 

 

Lucchi Roberto (Mesagne, 1976) è uno scrittore. Risiede a Torre Santa Susanna. 

 

Cervellera Gianluca (Mesagne, 1986) è uno scrittore, attore e regista teatrale. Risiede a Torre Santa Susanna. 

 

Feste e tradizioni locali

FESTE PATRONALI
Festa di Santa Susanna
10-11 agosto
Le strade si pavesano a festa con luminarie e bancarelle. Oltre ai riti religiosi si svolge anche la festa civile in 2 giorni con un concerto bandistico che si tiene dopo la conclusione della processione del simulacro della Santa nella serata del 10 e l'esibizione di un cantante o gruppo musicale in quella dell'11. Chiusura della festa alle h. 01,00 del 12 con spettacolo di fuochi pirotecnici.

Festa della Madonna di Galaso
25 settembre
Solo riti religiosi con la processione della statua della Madonna.

FIERE
Fiera di Santa Susanna
1° Maggio
Fiera di bestiame, attrezzature agricole, artigianato tradizionale ed artistico, prodotti agro-alimentari locali ed articoli vari.

Fiera Torrese
1a domenica di Settembre
Primo fine settimana di ottobre organizzata dall'associazione turistica Pro Loco.

EVENTI
Il pulcino d'oro
Luglio
Gara canora per bambini.

Festa della Matricola
Gennaio
Serata danzante organizzata da studenti universitari, per celebrare l’ingresso dei nuovi iscritti (matricole) nel mondo accademico.

Festa di San Giuseppe
Marzo
Esposizione gastronomica di piatti tipici su lunghe tavolate, le mattre, a cui tutta la gente è invitata a partecipare.

Passione vivente
Settimana Santa

Ballate e Traballate
Luglio
Serata con canti e balli etnici (tra cui gli antichi balli della Pizzica e della Taranta) e con seminari-dibattito su tematiche salentine.

Festa Trofeo dei Rioni
Agosto
Sfilata storica in costume e serie di gare per la conquista del trofeo.

Festa dell’emigrante
Agosto
Serata musicale dedicata ai cittadini che sono emigrati.

Sapori del S. Natale
Dicembre

Presepe vivente
Dicembre

La Focara
Dicembre
Gran falò di fine anno.

MERCATO INFRASETTIMANALE
Il giovedì mattina e il sabato sera.

 

Masserie

Le masserie di Torre Santa Susanna, ben 19, stanno a dimostrare che la dinamica economica principale era l'agricoltura e per molti versi lo è ancora.

Ogni masseria è un complesso architettonico di notevole valenza anche perché mantengono inalterate tutte le vicende costruttive che su di esse si sono sovrapposte, permettendo così di leggere la crescita in ogni fase storica.

Esimendoci dal descriverle tutte, indichiamo sommariamente le più interessanti anche perché producono ancora reddito. Esse sono: Le Torri, Palombara, Arciprete, Santoria vecchia, Guidone, Martucci, Pezza Viva vecchia e nuova, Canali, Gesuiti.

 

Masseria Le Torri

Masseria Le Torri
Masseria Le Torri

La Masseria Le Torri, distante circa 4 Km dalla cittadina, è ubicata sulla sommità di un’altura con vista panoramica sulla vallata.

La struttura era stata costruita sulle fondamenta di un’antica villa rustica romana, non molto distante dal famoso Limitone dei Greci. Oggi è divenuta un’azienda agrituristica  molto attrezzata.

 

Masseria Palombara

Masseria Palombara
Masseria Palombara

La Masseria Palombara dista circa 2,5 Km dalla cittadina e 1,5 Km dal cosiddetto Limitone dei Greci. Come lo stesso nome indica, la struttura prende il nome dalla maestosa colombaia adiacente la masseria. Molto probabilmente fu realizzata per la trasmissione dei messaggi a mezzo dei colombi e, quindi può aver  fatto parte,  nel periodo angioino - aragonese, del complesso sistema di masserie costruite per tale scopo.

Nella zona sono state numerose le rilevanti scoperte di tombe messapiche. Davvero suggestiva è la cappella annessa alla masseria, sulle pareti che sovrastano l’altare, una ricca teoria di affreschi, un ciclo che presenta un’iconografia legata al culto dei nostri Santi, si vede, infatti, nella parte centrale, l’immagine di una Madonna con Bambino tra due Santi Sant’Antonio e un Santo Vescovo.

Oggi la masseria è stata acquistata da un gran nome della produzione vinicola italiana che ne ha fatto una pregevole azienda agricola.

 

Masseria Arciprete

Masseria Arciprete
Masseria Arciprete

La Masseria Arciprete è un complesso fortificato a corte chiusa, risalente molto probabilmente al XVII sec. Di grande interesse architettonico, vede un’antica torre merlata con caditoie che si innestano in una cornice di coronamento e che nei lati angolari presentano le garitte di vigilanza.

Oggi questa struttura è stata valorizzata dagli attuali proprietari che ne hanno fatto una rispettabile azienda agricola orientata soprattutto verso la produzione olearia.

 

Masseria Santoria

Masseria Santoria
Masseria Santoria

La Masseria Santoria è un complesso fortificato, oggi completamente stravolto da ammodernamenti che ne hanno modificato la struttura originale; a testimoniare la sua antica origine rimane solo una grande cripta basiliana sulle cui pareti tracce di affreschi mostrano che l’antico sito religioso era intitolato con tutta probabilità a San Giovanni Battista.

Grazie all’abile lavoro dei proprietari oggi è divenuta un’azienda conosciuta soprattutto per l’assortimento di prodotti biologici tra cui sottaceti e sottoli, marmellate, ortaggi essiccati e quant’altro.

 

Masseria Guidone

Masseria Guidone
Masseria Guidone

La Masseria Guidone è un complesso fortificato a corte aperta con, ad un angolo della recinzione, un torrione munito di cornice di coronamento; il luogo su cui sorge è della massima importanza in quanto sito archeologico neolitico di rilevante interesse non solo per la cultura ma anche come potenzialità agrituristica.

Sono stati ritrovati i resti di un villaggio capannicolo testimoniato dai rinvenimenti di intonaco di capanna, ceramica neolitica graffita, ceramica impressa, anche con schemi geometrici. Ritrovamenti di materiale litico quali selci, frammenti di lame, raschiatoi, grattatoi, stanno ad indicare l’importanza di questo antico sito che meriterebbe uno scavo razionale scientifico che ne permettesse la fruibilità prima agli studiosi e poi ai turisti.

 

Monumenti e luoghi d'interesse

Torre Santa Susanna presenta sul suo territorio architetture che testimoniano la sua importanza storica e culturale. Di seguito una galleria fotografica con i luoghi di maggiore interesse.

 

Scheda tecnica

Provincia
Brindisi
Sindaco

Costantino Galasso (lista civica)

dal 30.03.2010

Altitudine

72 m s.l.m.

Superficie

55 km²

Popolazione residente

10.674 (dato ISTAT al 01.01.2014)

Densità 194,07 ab./km² 
Estensione comunale 55 km²
Frazioni, Marine, Località
-
Codice postale

72028

Prefisso telefonico

0831

Targa

BR

Denominazione abitanti
Torresi
Santo patrono Santa Susanna
Festa patronale

11 agosto

Mercato settimanale Giovedì

 

Sito Istituzionale

 

Meteo

Dove siamo