Arnesano

Arnesano - Palazzo Feudale
Arnesano - Palazzo Feudale


Arnesano è un comune italiano di 4.036 abitanti della provincia di Lecce.

Situato nel nord Salento, comprende anche il centro abitato di Riesci da cui dista 600 m in direzione ovest. È un comune dell'hinterland leccese e geograficamente appartiene alla Valle della Cupa.

Frazioni: Rione Riesci.

 

Territorio

Posizione del comune di Arnesano nella provincia di Lecce
Posizione del comune di Arnesano nella provincia di Lecce

Arnesano è un comune del nord Salento distante 7 km dal capoluogo provinciale.

 

Sorge nella Valle della Cupa, una delle depressioni più evidenti del Tavoliere di Lecce (32 m s.l.m.).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

clicca sul banner

Cenni storici

Le origini del nome

Il territorio di Arnesano si trova nel fondo di una valle denominata Cupa, una delle rare depressioni del Salento. Dunque alcuni glottologi sostengono che l'etimologia del toponimo "Arnesano" derivi da "arna", espressione di origine mediterranea che vorrebbe dire "avvallamento", "conca" appunto, oppure "letto di fiume".

La stessa base etimologica di "arna" si trova nel toponimo messapico di "arnises", anche questo con significato di "depressione", "valle". Dunque il toponimo di Arnesano risalirebbe ad un epoca precedente alcuni millenni il processo di latinizzazione del Salento; epoca in cui invece era predominante la influenza greca.

Secondo altri studiosi, il nome Arnesano proviene da quello del capitano romano Arnisio, che occupò questa Terra dopo aver sottratto all'Impero romano i casali salentini. In questo caso la cittadina avrebbe 2300 anni, ma di tale "anzianità" non si ha prova.

Oppure Arnesano deriva dal latino Arnisius, centurione romano Armisio, cui furono semplicemente assegnate queste terre.

Ancora, da altre parti si sostiene che sia stata fondata da alcune nobili famiglie leccesi, che in questo luogo si ritiravano in alcuni periodi dell'anno per l' "aer sanus" ossia la salubrità dell'aria.

 

Emblema dello stemma

Stemma di Arnesano
Stemma di Arnesano

Lo stemma di Arnesano ritrae tre colli stilizzati; sul colle di centro si alza una fiamma. Purtroppo non ci sono testimonianze che rivelino l'origine di tale simbologia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le origini e la storia

Busto di Ferdinando I di Napoli
Busto di Ferdinando I di Napoli

Il territorio di Arnesano ospitò sin dall'antichità un piccolo insediamento urbano. Ciò è testimoniato dal rinvenimento, nel Rione Riesci, di una sepoltura del tardo Neolitico, databile al 2400 a.C., con corredo funebre costituito da tre vasi e da un piccolo idolo di pietra. Tuttavia, la nascita del primo agglomerato urbano risale al X secolo e il suo reale sviluppo avvenne tra il XIII e il XIV secolo.

Dopo il periodo romano e bizantino, di cui non rimangono tracce degne di nota, Arnesano venne conquistata dai Normanni i quali, con la costruzione di una serie di casali, contribuirono alla crescita dell'economia e del numero di abitanti. Nel XII secolo si cita per la prima volta in un documento il casale di Arnesano come appartenente alla Contea di Lecce. Nel 1276 era feudatario di Arnesano il signore Landolfo Caracciolo; dopo la sua morte il feudo passò al suo primogenito e poi al re Ferdinando I, che, nel 1464, lo consegnò al console Antonio Guidano. Nel 1489 fu ceduto a Mariotto Corso, a cui seguirono la famiglia Bozzi-Corso, che governarono fino al 1613, anno in cui il feudo fu acquistato dalla famiglia leccese dei Marescallo. I Prato e i Bernardini furono gli ultimi feudatari di Arnesano.

 

Personaggi illustri

Nicola Indennitate (Arnesano, XVII secolo) è un benefattore.

Emanuele Passaby (XVII secolo) è un pittore.

Venerabile Raffaele Manca (1693 - 1741) è un religioso.

Luigi Giuseppe De Simone (Lecce, 1835 – Arnesano, 1902) è un magistrato.

Gioacchino Bernardini (XIX secolo) è un marchese di Arnesano.

Mons. Angelo Petrelli (1863 - 1923) è parroco di Arnesano dal 1904; successivamente diviene Vescovo di Venosa nel 1913.

Giulia Bernardini (1865 - 1961) è una benefattrice.

Giuseppe Grassi Apostolico Orsini Ducas (Arnesano, 1883 - 1950) è un guardasigilli e segretario della commissione dei 75 per la formulazione della Legge Costituzionale entrata in vigore il 1° gennaio 1948.

Dr. Carmelo Petrelli (Arnesano, 1906 – 1995) è un insigne medico.

Prof. Luigi De Luca (1908 - 1991) è un insegnante e poeta. Ha insegnato nelle scuole elementari di Arnesano.

 

Feste e tradizioni locali

FESTE PATRONALI
Festa Patronale di Gesù Crocifisso
Prima domenica di luglio
La fede profonda e la devozione al Crocifisso nasce nella comunità nel 1848 (anche se di festa solenne si comincia a parlare solamente nel 1858), quando, secondo la descrizione popolare un morbo letale, probabilmente peste o tifo petecchiale, comincia a decimare la popolazione di Arnesano, nonostante l'intervento di illustri medici venuti da Lecce. La drammaticità della situazione spinge il Parroco di allora, don Luigi Briganti, a portare la statua del Crocifisso, in processione, per le vie del paese.

L'immediatezza delle guarigioni fa gridare al miracolo e da quel giorno il Crocifisso diventa "meta di cuori infranti".

Festa di Montevergine
Lunedì di Pasqua
Ad est di Arnesano, in aperta campagna esiste la cappella di Montevergine, luogo scelto dalla gente del paese per compiere, ogni lunedì di Pasqua, quello che è senz'altro un rito, comune del resto a tutta la zona: "lu riu". "Lu riu" è oggi, praticamente un pic-nic: la mattina del lunedì dell'Angelo gli abitanti di Arnesano partono con il loro sacchetto per fare "lu riu".

Tale avvenimento presenta oggi un crollo di significato, poiché è scomparsa la sua originaria funzione in un determinato contesto sociale ed economico di tipo agro-pastorale. In una simile economia la festa era un fatto eccezionale in un periodo di tempo eccezionale e ben delimitato, ma era anche un sovvertimento della realtà di ogni giorno: per un breve periodo il povero si lavava, si metteva il vestito nuovo, non lavorava e per una volta diventava signore.

La festa era quindi una pausa, un allenamento delle tensioni quotidiane accumulate nel periodo normale, e per un giorno le famiglie, i gruppi chiusi si aprivano agli altri uscendo dal proprio modello abituale di vita verso un luogo neutro d'incontro in campagna a contatto con la natura. Oggi la festa di Montevergine mostra accentuato il suo carattere spiccatamente religioso ufficiale, ciò che tempo fa non era.

Festa della Madonna Assunta
Terza domenica di ottobre

MERCATO INFRASETTIMANALE
Il sabato.

 

Masserie

Sono presenti sul territorio le seguenti masserie:


Masseria Boci
Masseria Brillo
Masseria Carretti
Masseria Palombaro

 

Monumenti e luoghi di interesse

Arnesano presenta sul suo territorio architetture che testimoniano la sua importanza storica e culturale. Di seguito una galleria fotografica con i luoghi di maggiore interesse.

 

Scheda tecnica

Provincia
Lecce
Sindaco

Emanuele Solazzo

(lista civica) dal 01.06.2015

Altitudine

32 m s.l.m.

Superficie

13,47 km²

Popolazione residente

4.048 (dato ISTAT al 01.01.2015)

Densità 300,52 ab./km²
Estensione comunale 15 km²
Frazioni, Marine, Località
Riesci
Codice postale

73010

Prefisso telefonico

0832

Targa

LE

Denominazione abitanti

Arnesanesi

Santo patrono
Santissimo Crocifisso
Festa patronale

Prima domenica di luglio

Mercato settimanale Sabato

 

Sito Istituzionale

 

Meteo

Dove siamo