San Cesario di Lecce

San Cesario di Lecce - Palazzo Ducale
San Cesario di Lecce - Palazzo Ducale


San Cesario di Lecce è un comune italiano di 8.444 abitanti della provincia di Lecce.

Situato nel Salento centro-settentrionale, dista 5 km dal centro del capoluogo provinciale in direzione sud. Fa parte dei paesi che costituiscono la prima corona intorno a Lecce e ricade nella Valle della Cupa, un'area caratterizzata da affinità naturali, climatiche e culturali.

 

Territorio

Posizione del comune di San Cesario di Lecce nella provincia di Lecce
Posizione del comune di San Cesario di Lecce nella provincia di Lecce

Il territorio comunale, che si estende su una superficie di 29,98 km² più le frazioni Aria Sana e Trinone, è caratterizzato da una morfologia prettamente pianeggiante; l'altitudine raggiunge l'altezza massima di 61 m s.l.m..

Ricade nella Valle della Cupa, ossia in quella porzione della pianura Salentina, intorno al capoluogo leccese, caratterizzata da una grande depressione carsica. È situato a metà strada fra il mare Ionio e il mare Adriatico dai quali dista circa 20 km.

 

 

clicca sul banner

Cenni storici

Le origini del nome

Conosciuto in epoca romana come "Castrum Caesaris", in onore di Cesare Augusto, la località fu evidenziata come San Cesario nel Medioevo, quando in un decreto di Tancredi, Conte di Lecce, il territorio fu donato al monastero dei Celestini.

 

Emblema dello stemma

Stemma di San Cesario di Lecce
Stemma di San Cesario di Lecce

Lo stemma di San Cesario di Lecce raffigura uno scudo diviso in due sezioni: a sinistra è raffigurato un grappolo d'uva su sfondo giallo; a destra due stelle, una su sfondo celeste e l’altra su sfondo rosso. Una fascia situata sulla parte superiore dello scudo ha lo sfondo celeste e contiene le inziali in maiuscolo, di color giallo, "S" e "C". L'immagine sintetizza la vocazione vinicola del paese. Negli anni ‘50 si contavano nella cittadina cinque distillerie e alcune di queste divennero molto note anche in campo nazionale.

 

Le origini e la storia

Tancredi d'Altavilla
Tancredi d'Altavilla

Anche se il territorio presenta frequentazioni sin dall'età del bronzo come testimoniano i menhir presenti, l'origine di San Cesario è legata alla dominazione romana del Salento. Con il passaggio nell'87 a.C. di Lupiae (l'odierna Lecce) da statio militum a municipium, la località venne scelta come luogo di approvvigionamento dai veterani romani; vi sorsero di conseguenza delle ville che col passare del tempo aumentarono dando origine a un vero e proprio villaggio. Notizie certe e documentate risalgono al periodo medievale quando Tancredi d'Altavilla donò questo territorio al monastero dei Celestini di Lecce.

Il feudo di San Cesario fu assoggettato nei secoli a diverse famiglie: Orsini Del Balzo, Acaya, Condò, Bonsecolo, Guarini, Vaaz d'Andrada. I duchi Marulli furono gli ultimi feudatari fino all'abolizione della feudalità nel 1806.

 

Personaggi illustri

Scardino Peregrino (nasce a San Cesario di Lecce nel 1560) è un arciprete, filosofo, teologo, scrittore e poeta.

Frà Pasquale da San Cesario (San Cesario di Lecce, XVII secolo) è un laico riformato e scultore.

Pasquale Cecere (nasce a San Cesario di Lecce nel 1707) è un docente di medicina.

Alessio Licastro (San Cesario di Lecce, XVIII secolo) è un sacerdote, filosofo e poeta in lingua latina ed italiana.

Giuseppe Capone (nasce a San Cesario di Lecce nel 1733) è un avvocato e giurista, presidente del Tribunale di Lecce.

Nicola Cepolla (nasce a San Cesario di Lecce nel 1758) è un notissimo docente di medicina.

Pasquale Manni (nasce a San Cesario di Lecce nel 1761) è un medico.

Luigi Cepolla (nasce a San Cesario di Lecce nel 1766) è un avvocato, letterato, latinista, grecista e docente di diritto a Napoli. A lui si devono i disegni e le epigrafi che ornano l'obelisco di Porta Napoli in Lecce, costruito nel 1827.

Giovannantonio Tarentini (San Cesario di Lecce, 30 gennaio 1814 – Guagnano, 20 maggio 1902) è un politico.

Michele Saponaro (San Cesario di Lecce, 1885 – Milano, 1959) è uno scrittore.

Salvatore Saponaro (San Cesario di Lecce, XIX – XX secolo) è un decoratore e scultore.

Vincenzo Cepolla (San Cesario di Lecce, 24 febbraio 1817 - San Cesario di Lecce, 27 gennaio 1885) è un magistrato, governatore della provincia di Lecce, deputato al Parlamento del Regno d'Italia, avvocato, uomo politico, giurista, patriota risorgimentale carbonaro, mazziniano della Giovine Italia, prigioniero politico e Martire dei Borboni. Contribuisce al Risorgimento salentino.

Giuseppe Cascione (San Cesario di Lecce, XIX secolo) è un notaio, patriota risorgimentale carbonaro, mazziniano della Giovine Italia. A lui si deve l'ospedale civico, che nasce per una sua donazione nella seconda metà dell'800 e un notevole contributo economico per la ricostruzione della Chiesa Matrice.

Ezechiele Leandro (Lequile, 10 aprile 1905 – San Cesario di Lecce, 17 febbraio 1981) è un pittore, scultore e poeta.

Donato Negro (San Cesario di Lecce, 3 gennaio 1948) è un arcivescovo cattolico.

Roberto Rizzo (San Cesario di Lecce, 20 ottobre 1961) è un allenatore di calcio ed ex calciatore, di ruolo centrocampista.

Luigi Amleto Garzya (San Cesario di Lecce, 7 luglio 1969) è un allenatore di calcio ed ex calciatore, di ruolo difensore.

Graziano Pellè (San Cesario di Lecce, 15 luglio 1985) è un calciatore.

Alessandro Camisa (San Cesario di Lecce, 13 aprile 1985) è un calciatore.

Salvatore Capone (Lecce, 25 aprile 1967) è un politico. E’ stato sindaco di San Cesario di Lecce.

 

Feste e tradizioni locali

FESTE PATRONALI
Festa di San Cesario
Quarta domenica di luglio
La cittadina celebra il suo Santo Patrono nella quarta domenica di luglio, con solennità civili e religiose. Tale data fa riferimento al luglio del 1724, quando uno dei figli del duca Marulli portò nella cittadina una reliquia di San Cesario, che lui, cavaliere di Malta, aveva ottenuto dalla chiesa di Lucca.

Festa di San Rocco di Montpellier
16 agosto
Per le vie del quartiere "Giurdana".

FIERE
Festa e fiera di San Giuseppe della Stella
Prima domenica dopo Pasqua
La prima domenica dopo la Santa Pasqua, ormai consolidata dalla tradizione, si tiene nella nostra cittadina una attesissima ed imponente fiera di merci e bestiame, che il popolo meglio conosce come "la fera te S. Giuseppe te la Stiddra".

SAGRE
Sagra della pizza
Terza domenica di luglio

EVENTI
Esposizione dei presepi artistici
Dicembre
Lungo il periodo natalizio nelle varie chiese.

MERCATO INFRASETTIMANALE
Il martedì.

 

Monumenti e luoghi d'interesse

San Cesario di Lecce presenta sul suo territorio architetture che testimoniano la sua importanza storica e culturale. Di seguito una galleria fotografica con i luoghi di maggiore interesse.

 

Scheda tecnica

Provincia
Lecce
Sindaco

Andrea Paolo Filippo Romano (lista civica)

dal 08.05.2012

Altitudine

42 m s.l.m.

Superficie

7,98 km²

Popolazione residente

8.376 (dato ISTAT al 01.01.2014)

Densità 1.049,62 ab./km²
Estensione comunale 8 km²
Frazioni, Marine, Località
-
Codice postale
73016
Prefisso telefonico
0832
Targa

LE

Denominazione abitanti
Sancesariani o Sancesaresi
Santo patrono
San Cesario
Festa patronale

Quarta domenica di luglio

Mercato settimanale Martedì

 

Sito Istituzionale

 

Meteo

Dove siamo