Specchia

Specchia - Il Castello
Specchia - Il Castello


Specchia è un comune italiano di 4.915 abitanti della provincia di Lecce.

Situato nel basso Salento, a 53 km dal capoluogo provinciale, fa parte del club I borghi più belli d'Italia. Nel 2013 ha ricevuto il riconoscimento come "Gioiello d'Italia". Nel 2007 il comune è stato riconosciuto come migliore destinazione rurale emergente in Italia del Progetto Eden.

 

Territorio

Posizione del comune di Specchia nella provincia di Lecce
Posizione del comune di Specchia nella provincia di Lecce

Il comune di Specchia, che si estende per 24,74 km², è situato nell'entroterra del basso Salento a metà strada tra il mare Ionio e il mare Adriatico. L'abitato sorge a 131 metri sul livello del mare, su una piccola altura ai piedi della Serra Magnone quasi completamente coltivata ad ulivi ed organizzata in terrazzamenti su muretti a secco di contenimento.

Il territorio del comune risulta compreso tra i 97 e i 189 metri s.l.m. ed è caratterizzato dalle tipiche costruzioni rurali delle pajare. Il comune comprende anche la località di Cardigliano, un villaggio agricolo costruito in epoca fascista (1930) per la lavorazione del tabacco.

 

clicca sul banner

Cenni storici

Le origini del nome

Il toponimo di Specchia Prète deriva, secondo molti storici, dai grandi cumuli di pietre a forma conica (le “specchie di pietre”), molto diffuse sul territorio salentino. Le specchie erano fatte con pietre piatte e di dimensioni molto grandi, risalivano all'età del ferro ed erano molto usate dai Messapi. Avevano il semplice scopo di avvistamento.

 

Di opinione diversa sono altri studiosi, i quali sostengono che il toponimo di Specchia deriva da “Specla de amygdalis”, termine trasformato poi in “Specchia Mendolia”, col quale ci si voleva riferire sia alla più importante coltivazione del posto (le mandorle) e sia alla fondatrice dell'antico casale, la matrona romana Lucrezia Amendolara.

 

Emblema dello stemma

Stemma di Specchia
Stemma di Specchia

Lo stemma di Specchia raffigura un albero di mandorlo, che cresce su un cumulo di pietre (le cosìddette “specchie di pietre”). Il mandorlo raffigurato sullo stemma ricorda quello scolpito nell'antica cappella di San Nicola. La presenza dell'albero si può ricondurre o a Lucrezia Amendolara, fondatrice di Specchia (nessun documento ufficiale tuttavia ne attesta la sua effettiva esistenza) oppure alla presenza di numerosi alberi di mandorlo, fonte di ricchezza per gli abitanti del luogo, che crescevano lussureggianti nelle contrade specchiesi.

 

Le origini e la storia

Medioevo in Puglia
Medioevo in Puglia

La posizione di predominio su di una collina, in un territorio piatto, e la lontananza dal mare (al riparo dalle scorrerie Saracene) determinarono una crescita esponenziale della popolazione nel Medioevo. Le notizie certe riguardanti l'insediamento abitativo di Specchia risalgono al periodo normanno e all'inizio dell'età feudale. Come tutti i paesi del Salento è stato possedimento feudale di numerose famiglie, dagli Orsini Del Balzo ai Ligorio, fino al 2 agosto 1806, data di eversione della feudalità.

IX secolo, risale probabilmente a questo periodo il primo piccolo insediamento di contadini e pastori venuti ad occupare un luogo abbastanza elevato e lontano dal mare da essere considerato al riparo dalle frequenti scorrerie saracene.

1189, Tancredi d'Altavilla, conte di Lecce, è incoronato a Palermo re di Sicilia. Con la venuta dei Normanni ha inizio l'era feudale per la Terra d'Otranto. Specchia entra a far parte della Contea di Lecce e viene infeudata a Filiberto Monteroni.

1269, dopo la battaglia di Benevento Carlo d'Angiò concede a Rodolfo D'Alnay la Contea di Alessano comprendente anche Specchia. L'ultima della dinastia, Caterina, nel 1325 sposa Beltrando Del Balzo.

1414, la Regina Giovanna, invidiosa della potenza degli Orsini-Del Balzo, invia nel Salento un esercito con a capo Luigi III d'Angiò e Giacomo Caldora, famoso capitano di ventura. Negli anni 1434-35, sotto il governo di Giacomo Del Balzo, la roccaforte di Specchia è cinta d'assedio dal Caldora, espugnata e distrutta. Nel 1976, in seguito a lavori di scavo nel giardino adiacente la Chiesa di San Nicola, sono state rinvenute fosse comuni con scheletri di grande corporatura, forse appartenenti ai guerrieri uccisi durante l'assedio.

1452, Raimondello del Balzo Orsini ottiene dal re di Napoli e di Sicilia, Alfonso I d'Aragona, di ripopolare Specchia. Vengono così riedificati il castello e le mura, e il borgo divenne sede preferita dai fuggiaschi dei centri costieri, terrorizzati dai Turchi dopo la loro presa di Otranto (1480). Successivamente il feudo passò ai Di Capua, ai Gonzaga, ai Brajda, ai Trane, ai Protonobilissimo ed infine ai dè Liguoro fino al 1806.

XVII secolo si rileva la presenza di una piccola comunità ebraica, particolarmente importante perché in controtendenza rispetto al resto del Regno delle Due Sicilie in quanto detiene proprietà terriere e non dedita all'attività dell'usura e dunque esente da tasse regie.

1860, 21 ottobre nel Regno di Napoli si svolge il Plebiscito che sancisce la sua annessione al Regno d'Italia.

 

Personaggi illustri

Maddalena Bruno (Specchia, 1731 - Diso, 1755) è una nobildonna e benefattrice locale.

 

Feste e tradizioni locali

FESTE PATRONALI
Festa e Fiera di San Nicola
Seconda domenica di maggio
I festeggiamenti religiosi prevedono la messa solenne e la processione del santo per le vie del paese nella sera del sabato. Dopo la processione inzia la festa civile con concerti bandistici e musicali e spettacoli di intrattenimento. La domenica mattina si svolge la tradizionale fiera di merci varie. La festa si conclude con uno spettacolo pirotecnico.

Festa della Madonna del Passo
8 settembre
Programma civile e religioso in onore della Madonna del  Passo. E' prevista la processione nelle vie cittadine della Madonna e il ritorno alla Chiesa Madre restaurata recentemente.

FIERE
Fiera di San Francesco Saverio
Dicembre

Fiera della Candelora
Febbraio
Tradizionalmente è una festa religiosa che ricorda la presentazione della Vergine al Tempio 40 giorni dopo la nascita di Gesù. Durante le funzioni religiose della giornata, vengono distribuite le candele benedette dal sacerdote officiante che vengono accese per scongiurare il pericolo dei temporali oppure in tutte quelle circostanze in cui si sente il bisogno di invocare l’aiuto divino. Durante tutta la giornata si svolge la fiera di merci varie che attrae numerosi visitatori.

SAGRE
Sagra della Pittula con falò
24 dicembre
Da circa trent'anni ogni vigilia di Natale la Pro loco di Specchia organizza la sagra della tipica "pittula", le frittelle della cucina salentina. Si possono gustare anche altri prodotti tipici del Salento come la puccia con le olive e il vino locale. Durante la sagra viene acceso un falò per aspettare la nascita di Gesù.

EVENTI
Festa del Cinema del Reale
dal 24 al 27 luglio 2013

La Notte Bianca
12 agosto

MERCATO INFRASETTIMANALE
Il venerdì.

 

Masserie

Masseria Cardigliano

Masseria Cardigliano
Masseria Cardigliano

La Masseria Cardigliano, meglio conosciuta come Borgo Cardigliano si trova ubicata sulla cresta di una serra. Il complesso, costruito nel 1930 dal Fascismo come masseria-villaggio per la produzione del tabacco, consiste di una serie di episodi organizzati per funzioni diverse. Le abitazioni degli addetti ai lavori fronteggiano i vani per la lavorazione del tabacco e definiscono insieme lo spazio ad uso collettivo, dove due fontane sono simbolo dell'Acquedotto Pugliese; agrumeti, orti e vigneti si estendono a sud-ovest in un sistema di terrazze chiuse; le stalle, i depositi e i magazzini chiudono a sud il complesso, che termina invece a nord con il prospetto scenografico della chiesa.

 

Masseria Cardigliano di Sotto

Masseria Cardigliano di Sotto
Masseria Cardigliano di Sotto

Casino Croci

Casino Croci
Casino Croci

Monumenti e luoghi d'interesse

Specchia presenta sul suo territorio architetture che testimoniano la sua importanza storica e culturale. Di seguito una galleria fotografica con i luoghi di maggiore interesse.

 

Scheda tecnica

Provincia
Lecce
Sindaco Rocco Pagliara (lista civica) dal 26.05.2014
Altitudine

131 m s.l.m.

Superficie

24,74 km²

Popolazione residente

4.873 (dato ISTAT al 01.01.2014)

Densità 196,97 ab./km²
Estensione comunale 25 km²
Frazioni, Marine, Località
-
Codice postale

73040

Prefisso telefonico

0833

Targa

LE

Denominazione abitanti

Specchiesi

Santo patrono
San Nicola
Festa patronale

6 dicembre

Mercato settimanale Venerdì

 

Sito Istituzionale

 

Meteo

Dove siamo