Taurisano

Taurisano
Taurisano


Taurisano è un comune italiano di 12.668 abitanti della provincia di Lecce.

Situato nel basso Salento, a 55,7 km dal capoluogo provinciale, ha ricevuto il titolo di città nel 2004 dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Ha dato i natali al filosofo Giulio Cesare Vanini.

 

Territorio

Posizione del comune di Taurisano nella provincia di Lecce
Posizione del comune di Taurisano nella provincia di Lecce

Il comune di Taurisano è inserito nel cuore delle Serre Salentine, delimitato a ovest dalla serra di Ugento e a est dalla serra di Ruffano.

Il territorio comunale, che occupa una superficie di 23,32 km², è compreso tra gli 80 e i 169 metri sul livello del mare. L'abitato è posto ad una quota compresa tra i 130 metri s.l.m. della periferia orientale e i 110 metri s.l.m. di Piazza Castello.

Il substrato geologico del territorio è costituito da calcari, calcari dolomitici e dolomie del Cretaceo; su queste strutture si poggiano i livelli pleistocenici di calcareniti organogene, argille e terre rosse. La natura carsica del territorio si manifesta con la presenza di inghiottitoi, voragini (Giardino della corte), doline e grotte (Santa Lucia, Pietra l'Aia).

 

clicca sul banner

Cenni storici

Le origini del nome

Varie sono le interpretazioni sulle origini del toponimo di Taurisano. Alcuni storici, fra i quali L. Tasselli e Gerhard Rohlfs, ipotizzano che il nome derivi, come per tanti paesi del Capo di Leuca e del Salento, da Taurisius o Taurisianus, un centurione romano al quale fu data la terra come premio per il suo valore e per l’impegno profuso nella conquista del Salento da parte di Roma. Il centurione in questo luogo costruì il casale, a cui assegnò il suo nome.

 

Altri studiosi, fra cui Giacomo Arditi, ritengono che il nome del paese derivi dal fatto che nella zona di Taurisano, in età messapica e romana, ci fosse un allevamento e un mercato di bestiame; specialmente di buoni tori, sani e forti (“Taurus sanus”), impiegati per la riproduzione.

 

Secondo alcuni esperti, invece, il toponimo di Taurisano deriva da quello di Adelasia de Tauro (de Taurisano); una nobildonna, considerata per certi versi la prima feudataria di questi luoghi, che avrebbe fondato un castello intorno al quale sarebbe sorto l'abitato nella seconda metà del XIII secolo.

 

Più recentemente, infine, altri storici hanno avanzato l'ipotesi che il nome del paese possa aver avuto origine dalla radice preindoeuropea "Taur", che significa “luogo elevato”, “monte”, “altura”, “collina”; in quanto sono state prese in considerazione le caratteristiche del territorio, su cui sono presenti i cordoni collinari delle Serre salentine.

 

Emblema dello stemma

Stemma di Taurisano
Stemma di Taurisano

Lo stemma di Taurisano raffigura un toro. Questo è un animale che indica forza, capacità produttiva, e in definitiva eternità, perché attraverso la riproduzione c'è una continuità senza limiti della specie.

 

Le origini e la storia

Bos taurus primigenius
Bos taurus primigenius

La presenza di monumenti megalitici e il rinvenimento di manufatti dell'industria neo-eneolitica, frammenti di ossa umane e di Bos primigenius, selci levigate, fanno supporre che l'antropizzazione del territorio taurisanese si possa considerare avvenuta già tra il XV e il XIV millennio a.C.

I primi documenti che attestano la presenza di un casale in Taurisano risalgono alla fine del XII secolo, durante la dominazione normanna. Nel 1191 Tancredi d'Altavilla infeudò Taurisano alla famiglia Monteroni, nella persona di Filiberto. I Monteroni detennero il feudo sino al 1265 e successivamente dal 1444 al 1536. Con l'arrivo degli Svevi, Federico II cedette il Principato di Taranto e la baronia di Taurisano al figlio Manfredi. Nel 1266, con la sconfitta di Manfredi nella Battaglia di Benevento, i D'Angiò, appoggiati da Papa Clemente IV, subentrarono al governo del Regno di Napoli. Gli Angioini nominarono Barone del casale di Taurisano Hugo de Tauro o de Taurisano. Successivamente fu infeudato ai De Brienne, ai Del Balzo e ai D'Aragona. In seguito, con Carlo V, il casale e la Contea di Castro furono concessi ad Antonio Mercorino, marchese di Gattinara, il cui dominio e quello dei suoi successori durò fino alla metà del XVII secolo. Nel 1663 Taurisano fu acquistato dallo spagnolo Bartolomeo Lopez y Royo. Dalla fine del Seicento, e per tutto il Settecento, il feudo cadde in miseria, a causa di un'agricoltura arretrata, dei possedimenti terrieri concentrati nella proprietà di pochi (Nobili e Chiesa), di epidemie e di carestie. Nel 1692, da Baronia, Taurisano fu trasformato in Ducato, e di conseguenza i Lopez y Royo si fregiarono del titolo di duchi. Questi rimasero in pieno possesso del feudo sino al 1806, quando Giuseppe Bonaparte emanò le leggi eversive della feudalità. Il governo cittadino venne affidato al Decurionato locale e quindi al consiglio comunale.

Dagli inizi dell'Ottocento, svariati nuclei familiari, provenienti da diverse zone della penisola salentina, si stabilirono nel paese per occuparsi delle attività estrattive nelle cave di pietra, della produzione della calce nelle fornaci e della produzione di olio, vino e cotone.

 

Personaggi illustri

Vanini Giulio Cesare (Taurisano, 1585 - Tolosa, 9 febbraio 1619) è un filosofo.

Castriota Scanderberg Francesco (Napoli, 1841 - Taurisano 1905) discende da una famiglia di nota ed antica nobiltà; si entusiasma alle gesta di Giuseppe Garibaldi, diventandone fervente seguace; si stabilisce a Taurisano, dove diviene sindaco dal 1872 al 1876.

Febbraro Antonio (Taurisano, 1885 – 1965) è un architetto, molto bravo anche a lavorare la cartapesta. E’ autore di alcune statue di pregevole fattura.

Corsano Antonio (Taurisano, 1899 - Roma, 1989) è un docente universitario.

Politi Francesco (Taurisano, 1906 - Roma, 2002) è uno scrittore, germanista e poliglotta. E’ autore di una vasta produzione letteraria di saggi, di traduzioni su poeti e scrittori di molte letterature, famosi ed anonimi, non solo dal tedesco, ma anche dall'inglese, dal greco e dal latino, tutte di alto spessore culturale e scientifico. Si è dilettato anche di poesia, in italiano e soprattutto nel suo amato dialetto taurisanese e salentino.

Orlando Ugo (Taurisano, 1910 – 1995) è un ciabattino. Da autodidatta, essendo appassionato ammiratore dei grandi poeti italiani, si è distinto come autore di poesie dialettali (in dialetto taurisanese), di ritratti, di bozzetti realistici e di varie altre produzioni, anche in prosa, sia in vernacolo, sia in italiano, caratterizzate da un ritmo molto fluido, armonico e scorrevole.

Sabato Aldo (Taurisano, 1919 - Carmiano, 1976) è un educatore e musicista poliedrico.

 

Feste e tradizioni locali

FESTE PATRONALI
Festa di Santo Stefano
2-3-4 agosto
La festa del patrono Santo Stefano protomartire si svolge il 3 agosto, secondo il calendario della chiesa ortodossa. Il culto per Santo Stefano è stato introdotto in Taurisano con ogni probabilità dai monaci italo-greci nella prima metà dell'XI secolo. Al santo protomartire è intitolata la prima chiesa parrocchiale del paese. La tradizione lo vuole protettore contro il lancio di pietre, e quindi dei fornaciari o addetti alla “carcara” (arte molto antica della produzione di calce e fino a qualche anno fa attività economica locale molto importante) e a protezione delle colture dalle grandinate.

Festa di Santa Maria della Strada
7-8 settembre
La festa di Santa Maria della Strada, compatrona del paese, si svolge presso l'omonima chiesa, in origine dedicata alla Natività di Maria.

Festa Madonna di Leuca
13 aprile

Festa di San Giuseppe Lavoratore
1º maggio

Festa del Ss. Crocefisso
3 maggio

Festa della Madonna Ausiliatrice
24 maggio

Festa dei SS. Martiri Giovanni Battista e Maria Goretti
Prima domenica di luglio

FIERE
Expo Primavera
Aprile
Ogni anno dopo il 20 aprile

Fiera di Santo Stefano
26 dicembre

SAGRE
Birra e wurstel
Ultimo sabato di luglio
Sagra organizzata dal Gruppo Amatori Calcio. Nel corso della manifestazione, per chi ha voglia di sport ci sono spazi attrezzati per basket, calcetto, pallavolo e pallamano a disposizione del pubblico. Allietano la serata gruppi di musica popolare.

EVENTI
Estate Taurisanese
Da giugno a settembre
Visione film, rappresentazioni teatrali e spettacoli di vario genere.

Carnevale
Febbraio/marzo
l'ultima domenica di carnevale e il martedì (sfilata di carri allegorici, di gruppi mascherati, con balli e tanto divertimento).

Presepe vivente dei Giovani
Dicembre

MERCATO INFRASETTIMANALE
Il venerdì.

 

Monumenti e luoghi d'interesse

La Città Taurisano presenta sul suo territorio architetture che testimoniano la sua importanza storica e culturale. Di seguito una galleria fotografica con i luoghi di maggiore interesse.

 

Scheda tecnica

Provincia
Lecce
Sindaco Lucio Di Seclì (lista civica) dal 16.05.2011
Altitudine

110 m s.l.m.

Superficie

23,32 km²

Popolazione residente

12.118 (dato ISTAT al 01.01.2014)

Densità 519,64 ab./km²
Estensione comunale 24 km²
Frazioni, Marine, Località
-
Codice postale

73056

Prefisso telefonico
0833
Targa

LE

Denominazione abitanti

Taurisanesi

Santo patrono
Santo Stefano
Festa patronale

3 agosto

Mercato settimanale Venerdì

 

Sito Istituzionale

 

Meteo

Dove siamo