Trepuzzi

Trepuzzi - Piazza Margherita
Trepuzzi - Piazza Margherita


Trepuzzi (Trepuzze in dialetto salentino) è un comune italiano di 14.606 abitanti della provincia di Lecce.

Situato nel Salento, sorge a nord-ovest del capoluogo provinciale, dal quale dista 11,6 km. È un centro agricolo e industriale di rilievo, fa parte del Gruppo di azione locale Valle della Cupa, del Parco del Negroamaro e dell'Unione dei Comuni del Nord Salento.

Frazioni: Casalabate, Sant'Elia.

 

Territorio

Posizione del comune di Trepuzzi nella provincia di Lecce
Posizione del comune di Trepuzzi nella provincia di Lecce

Il territorio comunale di Trepuzzi, che occupa una superficie di 23,67 km², presenta una morfologia pianeggiante ed è compreso tra i 33 e i 60 metri sul livello del mare.

Sorge nella parte centro-settentrionale della pianura salentina (o Tavoliere di Lecce), un vasto e uniforme bassopiano del Salento compreso tra i rialti terrazzati delle Murge a nord e le Serre salentine a sud.

È parte della Valle della Cupa, ossia di quella porzione di pianura, intorno al capoluogo leccese, caratterizzata da una grande depressione carsica.

Sono in atto i passaggi legislativi e burocratici affinché la marina di Casalabate, attualmente amministrata dal comune di Lecce, possa passare all'amministrazione dei comuni di Squinzano e Trepuzzi, che per l'effettiva gestione costituiranno un organismo unico sovracomunale.

 

clicca sul banner

Cenni storici

Le origini del nome

Il toponimo di Trepuzzi, secondo la leggenda, trae origine dalla traduzione dialettale della parola; ossia "tre pozzi" e risale all'epoca romana, quando si costruirono nella zona tre luoghi di sosta dove i viaggiatori potevano rifocillarsi bevendo dell'acqua. Alcuni di questi decisero di stabilirsi qui e nacque così il centro abitato. L'insediamento urbano subì molte trasformazioni e i tre pozzi resistettero per molti secoli finchè alla fine non furono distrutti.

Di tutt’altro avviso sono la maggior parte degli storici, i quali sostengono che non è sostenibile la teoria secondo cui il toponimo di Trepuzzi derivi dai tre pozzi raffigurati sullo stemma. Un racconto pagano voleva che in una stazione vicina a Sant'Angelo, ai tempi dei Romani, ci fosse un luogo dedicato al Dio Bacco dove alcuni aristocratici della vicina Lecce si incontravano allo scopo di festeggiare, danzare e per fare baldorie di qualunque tipo e genere. Da qui deriverebbe il nome di Tripudium attribuito al luogo. Secondo i sùddetti studiosi il nome del paese è più plausibile che derivi proprio dall’etimo Tripudium. Lo storico Galateo afferma che al luogo del tripudio successivamente si aggregò un altro centro urbano, dove si trovavano i tre pozzi e che si chiamava Treputium. Lo storico sostiene che per una strana coincidenza, Tripudium e Treputium si fondarono perfettamente nella sintesi del nome di oggi, Trepuzzi appunto.

 

Emblema dello stemma

Stemma di Trepuzzi
Stemma di Trepuzzi

Lo stemma di Trepuzzi raffigura tre pozzi, di cui quello centrale è il più grande.

 

Le origini e la storia

Guglielmo II Altavilla detto Il Buono
Guglielmo II Altavilla detto Il Buono

Trepuzzi è inserita storicamente nella Terra d'Otranto, nella provincia di Lecce e nella stessa diocesi. Come tutti gli altri nuclei urbani salentini, anche Trepuzzi ha seguito le sorti e le vicende di invasioni e dominazioni, dai Romani ai Goti, dai Greci ai Longobardi, ai Normanni; fu assoggettata in seguito agli Svevi, agli Angioini, al Principato di Taranto, agli Aragonesi, ai Turchi che la saccheggiarono, ai Francesi e ancora una volta ai Borboni e da ultimo ai Reali di Savoia.

Le prime tracce documentali si hanno nel 1190, quando il re Tancredi, dopo la morte dello zio Guglielmo il Buono, divenne conte di Lecce e assegnò tutti i casali del suo contado al Vescovo di Lecce. Fulgo o Fulgone Bello Leccese, consigliere di Guglielmo il Buono, patrizio leccese, fu vescovo di Lecce dal 1180 o 1183 al 1200 e quindi anche pastore di Trepuzzi dopo la donazione.

Da una leggenda pagana si vuole che in località prossima a Sant'Angelo, al tempo dei Romani, sorgesse un'ara dedicata al dio Bacco dove i patrizi della vicina Lupiae si davano convegno per i Baccanali con feste, danze, baldorie, bagordi e orge, donde il nome di "Tripudium" dato al luogo. Nonostante lo stemma comunale rechi tre pozzi, non dimostra che il toponimo derivi da qui. L'etimologia "Tripudium" è più logica soprattutto nella menzione del Galateo, dove in "triputeanam villulam" è chiaramente evidente la radice "tri", e non "tre" come ci si aspetterebbe dal numero cardinale "tres", se si fossero voluti indicare i tre pozzi. Il termine "trepuzze" è stato alterato dal fatto che realmente ci sono stati i tre pozzi in uno dei due nuclei urbani originari. Al luogo di Tripudio infatti successivamente si aggiunse un altro nucleo abitato, con tre pozzi, che assorbì e fece decadere il primo. Ne consegue che le due versioni non sono opposte ma si integrano. Per una curiosa coincidenza, "Tripudium" e "Treputium" si fondono perfettamente nella sintesi del nome di oggi, Trepuzzi appunto. Nel corso dei secoli il centro crebbe e si ingrandì grazie alla decadenza del casale di Terenzano.

Il feudo di Trepuzzi e il subfeudo di Terenzano furono assoggettati agli Acquaviva D'Aragona, conti di Conversano, i quali ottennere il titolo di marchesi. Nel corso degli anni il feudo fu oggetto di diverse controversie, sorte tra gli ereditari degli Acquaviva, e venne più volte sequestrato dal Regio Fisco per la mancanza di eredi diretti. Nel 1725, il Duca Francesco Carignani, anch'egli ereditario, ebbe l'incarico di governarlo. Più tardi, lo stesso Duca Francesco Carignani comprò il feudo di Trepuzzi e il subfeudo di Terenzano nell'anno 1753.

 

Personaggi illustri

Giuseppe Gidiuli, in arte Gidiuli (Trepuzzi, 1 agosto 1944 – Modena, 17 ottobre 2009) è un cantante.

Alessandro Carrisi (Trepuzzi, 1980 – Nassiriya, 2003) è un militare caduto a Nassiriya. A lui è dedicato uno degli istituti comprensivi del paese.

 

Feste e tradizioni locali

FESTE PATRONALI
Fiera Madonna dei Miracoli
Domenica dopo Pasqua
Festeggiamenti civili e religiosi. I festeggiamenti civili prevedono la tradizionale fiera e il concerto bandistico. I festeggiamenti religiosi prevedono la solenne messa e la processione per le vie del paese.

Festa e fiera Madonna Assunta
14-15 agosto
Grande attesa per la fiera con la vendita del bestiame, dolciumi e merci varie.

FIERE
Fiera di San Raffaele Arcangelo
Quarta domenica di ottobre
La fiera fu concessa nel 1828 da Francesco I di Borbone e da allora si svolge ogni anno nella quarta domenica di ottobre. Oltre alla fiera si svolgono anche festeggiamenti religiosi in onore di San Raffaele Arcangelo con una solenne processione e un concerto bandistico.

EVENTI
Festa del Cinema Europeo
Aprile

Presepe vivente
Dicembre
L’Oratorio Giovanni Paolo II, in collaborazione con le comunità parrocchiali di Trepuzzi, organizza la IV edizione del Presepe Vivente. Il tema che legherà le diverse scene sarà “Verbum Panis factum est”.

MERCATO INFRASETTIMANALE
Il martedì.

 

Monumenti e luoghi d'interesse

Trepuzzi presenta sul suo territorio architetture che testimoniano la sua importanza storica e culturale. Di seguito una galleria fotografica con i luoghi di maggiore interesse.

 

Scheda tecnica

Provincia
Lecce
Sindaco Oronzo Valzano (lista civica) dal 16.05.2011
Altitudine

55 m s.l.m.

Superficie

23,67 km²

Popolazione residente

14.762 (dato ISTAT al 01.01.2014)

Densità 623,66 ab./km²
Estensione comunale 23 km²
Frazioni, Marine, Località
Casalabate, Sant’Elia
Codice postale

73019

Prefisso telefonico

0832

Targa

LE

Denominazione abitanti

Trepuzzini

Santo patrono
Maria SS. Assunta
Festa patronale

15 agosto

Mercato settimanale Martedì

 

Sito Istituzionale

 

Meteo

Dove siamo