Uggiano la Chiesa

Chiesa Madre di Uggiano
Chiesa Madre di Uggiano

 

Uggiano la Chiesa (Uššànu in dialetto salentino) è un comune italiano di 4.488 abitanti della provincia di Lecce.

Situato nel Salento orientale, nell'entroterra idruntino. Il comune aderisce alle Associazioni nazionali città del pane e dell'olio.

Frazioni: Casamassella, Monte Sant’Angelo.

 

Territorio

Posizione del comune di Uggiano la Chiesa nella provincia di Lecce
Posizione del comune di Uggiano la Chiesa nella provincia di Lecce

Il territorio di Uggiano la Chiesa occupa una superficie di 14,33 km², è compreso tra i 10 e i 99 metri sul livello del mare. Dista circa 43,5 km da Lecce.

 

clicca sul banner

Cenni storici

Le origini del nome

Il toponimo di Uggiano è di probabile origine prediale, deriverebbe dal nome latino di persona Ogius oppure Ovius; il determinante si riferisce alla chiesa principale dell'abitato. Un'altra ipotesi invece è che il toponimo "Uggiano" derivi dalla locuzione latina "Vigilarum", che significa "luogo di vedetta, di avvistamento e di controllo", data la funzione che ebbe il villaggio rispetto ad Otranto.

 

Emblema dello stemma

Lo Stemma di Uggiano la Chiesa
Lo Stemma di Uggiano la Chiesa

Lo stemma di Uggiano La Chiesa raffigura al centro un'ostia col nome di Gesù dalla quale si dipartono sedici raggi e una scritta: “Iesus Hominum Salvator”, sovrastata da una croce con tre chiodi sovrapposti nelle punte. Nella parte in basso rispetto all’ostia sono presenti due iscrizioni: "Sol in leone fortior" in onore di Cristo (“il sole è più splendente nella costellazione del leone”) e "vigiliarum ecclesiae" (“sentinella della chiesa”). Il riconoscimento ufficiale dello stemma si è avuto nel 1962 anche se la raffigurazione dell'ostia raggiata risale almeno al XVII secolo. I sedici raggi indicano che nel momento in cui il paese venne donato alla mensa arcivescovile sedici erano i nuclei familiari (fuochi) che componevano il paese.

La storia dello stemma civico Uggianese risale al periodo della presenza Aragonese in Terra d'Otranto. Uggiano villaggio sorse intorno ad un distaccamento militare, nell'immediato entroterra idruntino, allo scopo di difendere meglio la stessa Otranto. Poi gli Aragonesi stessi elargirono a favore della Chiesa otrantina il villaggio di Uggiano e all'arcivescovo di Otranto conferirono il titolo di barone.

 

Le origini e la storia

Ritratto di Federico II con il falco
Ritratto di Federico II con il falco

Le origini di Uggiano la Chiesa non sono certe. Gli insediamenti umani comparvero già nella preistoria, come confermato dalla presenza di monumenti megalitici, quali dolmen e menhir, sparsi nel territorio circostante. La sua esistenza è segnalata nel periodo della colonizzazione greca e in epoca successiva il luogo fu frequentato dai monaci basiliani che realizzarono alcuni insediamenti rupestri, come ad esempio la chiesa cripta di San Solomo.

La formazione di un abitato propriamente detto è da ricondurre ai profughi della vicina città messapica di Vaste, distrutta nel 1147 da Guglielmo il Malo. In origine si ipotizza fosse principalmente una torre di avvistamento a protezione della città di Otranto; negli antichi documenti era chiamata infatti "Viggiano", toponimo di derivazione latina "Vigilarum", col significato di "luogo di vedetta e di controllo". Intorno alla torre sorse in seguito un villaggio che nel 1219 l'imperatore Federico II donò alla Chiesa Episcopale di Otranto, che ne tenne il possesso ininterrottamente fino al 1806, anno di soppressione del regime feudale. L'arcivescovo ottenne così il titolo di "Baron Oggiani". Da "Viggiano" il nome si trasformò in "Uggiano" a cui venne aggiunto "la Chiesa". Tuttora si possono intuire queste vicende storiche nella iconografia dello stemma civico.

 

Personaggi illustri

Macario Nachira (Uggiano la Chiesa – Otranto, 1480) è un colto monaco basiliano, di nobile famiglia. Viene ucciso dai Turchi durante l'eccidio del 1480 ed è uno degli 800 Santi Martiri di Otranto.

Celestino Cominale (Uggiano la Chiesa, 29 ottobre 1722 – Uggiano la Chiesa, 1785) è un medico e scienziato; inoltre è stato docente all'Università di Napoli ed autore, fra l'altro, di uno scritto di confutazione della teoria newtoniana sui colori.

Antonio De Viti de Marco (Lecce, 30 settembre 1858 – Roma, 1º dicembre 1943) è un politico ed è uno dei maggiori economisti italiani a cavallo fra il XIX ed il XX secolo. Nasce a Lecce e vive a Casamassella, piccola frazione di Uggiano la Chiesa, la propria infanzia e gioventù, dimorando nel castello nobiliare della famiglia, i marchesi di Casamassella.

Dante De Blasi (Uggiano la Chiesa, 25 ottobre 1873 – Roma, 10 luglio 1956) è un medico, scienziato, batteriologo, immunologo e igienista, che è stato anche alla guida di prestigiose istituzioni quali l'Istituto Superiore di Sanità (1935) e il Consiglio Superiore di Sanità (1935 - 1943).

Girolamo Comi (Casamassella, 23 novembre 1890 – Lucugnano, 3 aprile 1968) è un poeta e letterato.

 

Feste e tradizioni locali

FESTE PATRONALI
Festa di San Giuseppe
18-19 marzo
Nel corso della festa si allestiscono le famose Tavole di San Giuseppe. Le famiglie devote approntano delle grandi tavole imbandite con grossi pani circolari a forma di ciambella, raffiguranti alcuni simboli (il giglio, il rosario, etc.) che rappresentano i "santi" che fanno parte della tavola. Il numero dei "santi" è sempre dispari e va da un minimo di tre (la Madonna, San Giuseppe e Gesù bambino) ad un massimo di tredici e vengono interpretati da persone care alla famiglia che allestisce. Le tavole vengono aperte al pubblico già nella serata del 18 marzo e ai visitatori vengono offerte le tradizionali "pucce" benedette. A mezzogiorno del 19 marzo avviene la consumazione delle pietanze. Il devoto che ha allestito la tavola bacia per primo i grossi pani, che dovranno essere poi baciati dal "San Giuseppe" prima di essere consegnati ai "Santi". Anche le altre pietanze sono servite prima a colui che interpreta San Giuseppe e poi agli altri "santi". Per tradizione la "Madonna" deve essere interpretata da una ragazza nubile.

Festa di Santa Maria Maddalena
21-22-23 luglio
La festa di S. Maria Maddalena è molto sentita e amata. Grandi e splendide luminarie addobbano tutta la piazza e la via principale del paese. Bancarelle di tutti i tipi ricche di prodotti, caratterizzano i tre giorni di festa, che si cocludono con spettacoli di fuochi d'artificio.

Festa San Gaetano
6-7 agosto
Festa con liuminarie dedicata a San Gaetano.

Festa di Santa Lucia
13 dicembre
Ad Uggiano, torna la tradizionale pamparrina di Santa Lucia. La cittadinanza come ogni anno, prepara, in onore della santa, la storica “pamparrina”, un grande falò fatto di fascine e ramaglie.

FIERE
Festa e fiera dei Santi Medici
26-27 settembre
Festa religiosa dedicata ai Ss. Medici Cosma e Damiano. Luminarie e Fiera dedicata.

SAGRE
Sagra della "Città del Pane e dell'Olio"
Primo sabato di settembre
Sagra dedicata al pane e all'olio: prodotti tipici di Uggiano la Chiesa.

MERCATO INFRASETTIMANALE
Il martedì.

 

Monumenti e luoghi di interesse

Uggiano la Chiesa presenta sul suo territorio architetture che testimoniano la sua importanza storica e culturale. Di seguito una galleria fotografica con i luoghi di maggiore interesse.

 

Scheda tecnica

Provincia
Lecce
Sindaco

Giuseppe Salvatore Piconese (lista civica)

dal 30/03/2010

Altitudine

77 m s.l.m.

Superficie

14,3 km²

Popolazione residente

4.466 (dato ISTAT al 01.01.2014)

Densità 312,31 ab./km²
Estensione comunale 15 km²
Frazioni, Marine, Località
Casamassella, Monte Sant’Angelo
Codice postale

73020

Prefisso telefonico

0836

Targa

LE

Denominazione abitanti

Uggianesi

Santo patrono
Santa Maria Maddalena
Festa patronale

22 luglio

Mercato settimanale Martedì

 

Sito Istituzionale

 

Meteo

Dove siamo