Saggezza Popolare


Saggezza antica, preziosa eredità, cultura di un popolo. Tramandano abitudini, insegnamenti, regole di vita, raccontano paure, ossessioni, timori. Esprimono rassegnazione, prendono di mira le umane debolezze, accompagnano le stagioni e la fatica, rappresentano consigli. Ironici, canzonatori, erotici, piccanti, beffardi, irriverenti.

Guardare la saggezza popolare salentina e capire, se idee e princìpi che li hanno ispirati, oggi sono ancora validi.  Nella tradizione si trovano le 'ngiure, motti e maldicenze, i cunti e culacchi, i proverbi e le poesie.

 

 

Le 'ngiure

"Nomen omen" dicevano i latini, ad indicare la stretta connessione fra il nome e il destino.

Tutte le antiche civiltà tradizionali ritenevano che possedere il vero nome di cose e persone permettesse di coglierne la più intima essenza e di averle in proprio potere.

Nella cultura popolare salentina la 'ngiuria nasce per stigmatizzare caratteristiche fisiche del soggetto, per coglierne un tic, o ancora per screditare o burlare tutti gli abitanti di un paese vicino; altre volte solo per constatare una storia o una situazione.

Ne riprendiamo alcune senza pretesa di completezza, per sorridere un po' insieme e ricordare attimi di un tempo forse definitivamente passato. 

 

NGIURIA

Buzzamadònne

Cattu niùru

Tre culi

Mamone

Pappannali

Strazzina

Copanari

Nirvicune

Trenta pili

Sciammerga

Tirittittì

Votamissali

Cunigghia

Picareddha

Pezzancùlu

Strafutti

'Nprenacanneddhe

Sannutu

Mucculone

Mazzacurta

Nutrizza

Quattru parmi

Ballanzè

Culutu

Capi te maju

 

SIGNIFICATO

Falsamente pio

Gatto nero iettatore

Tre sederi, fortunato

Orco, spauracchio

Stolto

Donna lacera

Manganello - griko copano

Scontroso

Trenta capelli, calvo

Disordinato

Balbuziente

Gira messale, bigotto

Donna prolifica

Piccolo pene

Povero

Che se ne frega

Capace di ingravidare i tarli

Dai grossi denti

Stupido

Piccolo pene

Balia

Piccolo di statura

Balla ubriaco

Sederone, fortunato

Ottuso

 

CITTA'
Alessano

Alezio

Alliste

Aradeo

Arnesano

Bagnolo

Calimera

Campi salentina

Cannole

Carmiano

Carpignano

Castrignano G.
Cavallino

Corigliano

Cutrofiano

Gallipoli

Galatina

Lequile

Matino

Otranto

Presicce

Racale

Sanarica

Sogliano

Soleto

 


Motti e maldicenze

Che i popolani siano di anima buona e spirito salace è ormai un fatto acclarato.

Che spesso anche i potenti si cimentassero in citazioni burlesche lo è meno. Federico II disse che a Lecce "Aquae non currunt, arbores non crescunt, feminae non erubescunt (arrossiscono)".

Ma per tornare al popolo non si può dire che siano mancate ai salentini la fantasia e le occasioni per dare definizioni.

 

"Mangiacàni" li Leccesi,
"ricottàri" i Majesi,
"pacciaréddhi" li Martanesi,
"francu st 'angùria" li Corianesi.

Un'altra filastrocca popolare dice:
Ad Alessano "li sciudéi",
a Campie "li babbei",
"li saracùni" a Casaranu,
"ciole" iddhi de Barbarànu.
Se senti dire: "su 'cculi lesi",
statte certu ca su' 'Ndranési,
a Caprarica "li cristariéddhi",
a Marittima "li nanèddhi"
All'Acaja le "culippuntàte",
Casamassella bella citate,
ad Acquarica trovi "spurtèddhe",
a Presicce le "buttanéddhe".
A Burgagne "li spustati",
a Melendugnu su' "'pporci binchiàti",
a Butrugnu "li cucummeràri",
a Cutrufianu "li cutumàri".
A Corsanu "li carcagni tisi",
"li mangia cozze" a Vigna Castrisi,
a San Cesariu "li mangia pasùli",
a Caddhinu "li fiji de muli".
A Cascignanu suntu "lardusi"
a Trepuzzi tutti "fetusi",
a Uggianu "li babarabbà",
le "panze nchiate" trovi a Strudà.
A Cupertinu "li mangia ciucci",
a Giurdignanu "li coji mucci",
quiddhi de Vernule su' "lenghi e ressi",
a Sulitu: "li stuscia cessi".
A Gaddhipuli "li pupiddhùzzi",
a Minervinu "li cappieddhùzzi",
"li cacòrsi" a Carpignanu,
"li tignùsi" a Montesanu.
E se poti Schinzanu scanza,
de "li cututi" de Salve sarvate

 

Mangiacani i Leccesi,
ricottari i Magliesi,
pazzerelli i Martanesi,
esenti da tasse sui cocomeri i Coriglianesi.


Ad Alessano sono detti "giudei",
a Campi: "babbei",
"volponi" a Casarano,
"stupidi" quelli di Barbarano.
Se senti dire: "culi rotti"
certo sono quelli di Andrano,
a Caprarica C. "avvoltoi",
a Marittima: "nanetti".
All'Acaja: "sfacciate" (le donne)
Casamassella è bella città,
ad Acquarica C.: trovi "le sporte",
a Presicce: "le puttane".
A Borgagne: "gli spostati",
a Melendugno "porci sazi".
A Botrugno: "cetrioli",
a Cutrofiano: "vasai".
a Corsano; "calcagne alzate",
"mangia lumache", a Vigna Castrisi
a San Cesario: "mangia fagioli",
a Cavallino: "figli di muli".
A Castrignano G.: sono "spacconi",
a Trepuzzi: tutti "irosi",
a Uggiano: "sciocchi",
"ventri gonfi" quelli di Strudà.
A Copertino: "mangia asini",
a Giurdignano: "mocciosi",
quelli di Vernole: sono "lunghi e grossi",
a Soleto "svuotacessi".
A Gallipoli "pupilli",
a Minervino "cappellini",
"cattivelli" a Carpignano,
"tignosi" a Montesano.
Se puoi Squinzano scanza,
da quelli con la "coda" di Salve salvati.

 


I proverbi

Di seguito, trovate qualcuno dei tantissimi proverbi popolari salentini.

 


L'avvucatu campa de carne cucciuta, lu duttore de carne malata e llu prèite de carne morta.
(L'avvocato campa di carne cocciuta, il medico di carne malata ed il prete di carne morta)

Se oi amicizzia cu mmantegna, nu panaru vascia e unu vegna.
(Se vuoi che l'amicizia regga, un paniere vada e uno venga)

Ogne ppetra àusa parite, e sse è ccrossa cunta pe ddoi.
(Ogni pietra alza parete, e se è grossa conta per due)

Morse lu suscettu, e nnu ffòsime cchiùi cumpari!
(Morì il figlioccio, e non fummo più compari)

Abbitu nun fa mmonicu, però dice lu tata comu vai vistuta, cusì si' ccarculata.
(Abito non fa monaco, però mio padre dice che come vai vestita, così sei calcolata)

Cumpare cumpare, cu li greci no parlare, dicene cusì e culì, acqua nerò e vinu crasì.
(Compare compare, non parlare con i griki, dicono questo e quello, chiamano l'aaqua 'nerò' e il vino 'crasì')

Lu jentu ncucchia li fùmuli, e lle campane li prèiti
(Il vento raduna i cespi sradicati, e le campane i preti)

Cu ll'arte e ccu llu ngannu se campa metà annu, cu llu ngannu e ccu l'arte se campa l'àutra parte.
(Con l'arte e con l'inganno si campa metà anno, con l'inganno e con l'arte si campa l'altra parte)

De na sciumenta càmbara nu tte pijare fija: se nu nn'è ttutta càmbara, a ccàmbara ssumija.
(Di una giumenta sbilenca non ti pigliare la figlia: se non è tutta sbilenca, a sbilenca somiglia)

Ci àve face nave, ci nu nn'àve perde ccenca àve.
(Chi ha fa nave, chi non ha perde ciò che ha)

Lu ggiudizziu è cca te campa, lu pane quantu pare ca te bbinchia
(E' il senno che ti fa campare, il pane non altro fa che saziarti)

Fiju de ggiùdice nu ttime tribbunale
(Figlio di giudice non teme tribunale)

Male cumune, ddifriscu de fessi.
(Mal comune, sollievo di fessi)

A stu munnu nu ai gnenti, se nu llu tiri cu lli denti
(A questo mondo non hai nulla, se non lo strappi coi denti)

L'acqua piu piu te futte, e fazza Ddiu!
(La pioggia fina fina ti fotte, e sia come Dio vuole!)

Vale cchiui l'acqua de marzu e de aprile ca lu cavaddu de lu re cu tutte le tire.
(Per il contadino, è più importante l'acqua di marzo e di aprile che il cavallo del re con tutte le sue ricchezze)

Ncùcchiate cu lli meju de tie, e ffalli le spese
(Unisciti coi migliori di te e fagli spese)

Ci lassa la strata ecchia e pija la noa, sape ccè lassa e no sape ccè troa
(Chi lascia la strada vecchia e prende la nuova, sa cosa lascia ma non sa cosa trova)

Meju na fiata a rrussire ca 100 a 'ngiallinire
(Meglio arrossire una volta che ingiallire cento volte)

Quannu lu tiaulu te 'ncarizza l'anima ne ole
(Quando il diavolo ti accarezza vuole la tua anima)

Quannu lu ciucciu no bbole cu 'mbie, magari ca fischi
(Quando l'asino non vuole bere è inutile fischiare)

Lu purpu cu l'acqua sua stessa se coce
(Il polpo si cuoce con la sua stessa acqua)

A ccì sparte la cchiù fessa parte
(A chi divide, la parte più misera)

Allu squagghiare te la nie essune li strunzi
(Allo sciogliere della neve escono gli stronzi)

Comu spienni mangi
(Come spendi mangi)

Entre china cerca riposu
(Pancia piena cerca riposo)
 
Tice fibbraru: ci lu mese mia li tinia tutti, facia quagghiare lu mieru intra li utti
(Dice febbraio: se il mio mese li avesse tutti - i giorni - farebbe coagulare il vino nelle botti)

Li uai te la pignata li sape la cucchiara
(I guai della pentola li conosce il cucchiaio)

Lu superchiu inchie lu cuperchiu
(La schiuma in eccesso - durante la cottura - riempie il coperchio)

Ci la mamma ole biscia murire la fija, sule ti marzu si la pija
(Se la mamma vuol vedere morire la figlia, sole di marzo se la piglia)

Meju cu bbiti nu riccu 'mpurire ca nu poveru rricchire
(Meglio vedere un ricco impoverire che un povero arricchire)

Tira lu ciucciu a ddù ole lu patrunu
(Tira l'asino dove vuole il padrone)

A masciu pare ci la ciuccia è prena
(A maggio sembra se l'asina è incinta)

Uecchi chini, mane acanti
(Occhi pieni, mani vuote)

 

I cunti e culacchi

I cunti e culacchi sono racconti in dialetto salentino che sono stati tramandati da padre in figlio la saggezza e la semplicità del mondo contadino e rurale.

 

Lu Carcajulu

Lu Carcajulu
Lu Carcajulu

Un giorno un vecchio proprietario terriero di Veglie, decise, per poter accrescere la sua ricchezza, di comprare dei cavalli ed affittarli ai suoi coloni, cioè ai contadini che portavano avanti le sue terre, dimodoché essi potessero usare lu trainu e facilitare, così, il trasporto degli attrezzi da lavoro e del raccolto.

Acquistò allora i cavalli. Belli, fieri, possenti. Li pagò una fortuna, ma se li sarebbe ripagati col tempo.

Il fatto è che questo proprietario terriero non era proprio un brav'uomo. Spesso rimproverava e malmenava i suoi coloni che, per paura di perdere il proprio lavoro, subivano le angherie del vecchio in silenzio, ma in cuor loro nci jastimavane li meju muerti (insomma, gli bestemmiavano i parenti ormai andati...!).

Passò il tempo e il proprietario iniziava a vedere i primi frutti del suo investimento, ma allo stesso tempo i coloni iniziavano a vedere il peggioramento nel carattere del vecchio. Più si arricchiva e più li malmenava (e più loro, mentre giocavano a carte, la sera, davanti alla porta, raccontavano quante corne ha avuto in testa il vecchio).

Ma un giorno, mentre il vecchio si apprestava a prendere sonno, si sentì come soffocare. Non riusciva più a respirare e non sapeva da dove provenisse quest'affanno. Aprì gli occhi e - lampu! - si trovò di fronte lu carcajulu! “ekkeccazz...tie sinti?” disse con tono irato al minuscolo folletto. All'udire di questo sproloquio, lu carcajulu lo soffocò con ancora più vigore. Dopodichè allentò la presa e si diresse verso la cucina, dove la moglie del vecchio stava raggomitolando la lana. Le alzò la gonna e le strappò una parte del vestito, poi andò verso i piatti e li gettò a terra. Più il vecchio si affannava ad inseguirlo e più lui diventava dispettoso. Poi scomparve.

Il vecchio, ancora brontolando per la visita del folletto, andò a dormire, pensando, però, a quello che avrebbe fatto l'indomani: riscuotere l'affitto del fondo.

Nel frattempo il folletto si era già diretto verso il podere dove i cavalli dormivano. In un lampo intrecciò le code dei cavalli e questi si arrabbiarono (di brutto!). Iniziarono a scalciare e andarono via, galoppando più che mai, verso le campagne antistanti. Il folletto non era ancora stanco e si diresse, come ultima tappa, verso le case dei coloni. Alla vista del folletto s'agitavano e dicevano alle mogli: "mah! cazzu! e mò cc'è bbole quistu?" Ma lu carcajulu ad ognuno di loro chiese: "vuoi cocci o soldi?". Questi, che certo non erano nati ieri, dicevano tutti: "cocci". E il folletto li riempì di monete d'oro e scappò via.

L'indomani i coloni pagarono l'affitto della terra al padrone e tornarono a lavorare con un bel pò di monete in tasca.

Il padrone, quando vide che i cavalli erano scappati, si rinchiuse in casa e bestemmiò fino all'indomani.

Com'è finita la storia? Non finisce. Ognuno la racconta come gli pare. Ognuno ci mette i nomi che gli pare e i paesi che vuole. Ma lu carcajulu è sempre lì, a far dispetti e a distribuire doni.

Curiosità
Quelli che tra voi sono appassionati di storie irlandesi, troveranno curiosa la somiglianza tra lu carcajulu e i folletti dei racconti celtici. Non è un caso. Secondo alcune leggende i Celti abitarono il Salento e costruirono i Dolmen.

Nei racconti popolari lu carcajulu è un folletto. La sua leggenda è diffusa in tutto il Meridione e ogni zona lo riconosce con un nome diverso:

Carcaluru, Laurieddhru, Laùru, Monacello, Moniceddhru, Munaciedd, Munachicchio, Scarcagnulu, Scattamurreddhru, Scanzamurieddhru, Scazzamauriello, Scazzamurrill, Scazzambrridd, Scazzamureggi, Sciacuddhri, Sciacuddhruzzi, Tiaulicchiu, Uru, Urulu.

Il nome forse deriva dal termine carcare, che nel dialetto dell'area jonico-salentina significa fare pressione, premere con forza. Difatti una delle attività preferite de lu carcajulu è proprio quella di posizionarsi sul petto del malcapitato e di premere così forte da togliergli il respiro. Una volta lu carcajulu era uno dei racconti preferiti dei bimbi. E' una leggenda popolare, ma ancora oggi c'è chi sostiene di averlo visto vagare per casa...

 

L'oru e li poppiti

(Cuntu ritrovato nella zona di Presicce)

'N cera 'na fiata nu carusu ca tutti pijavane pi pacciu, piccè ddunca scia scia dicia buscie.
Nu giurnu sciu 'ntra 'na rutta a ddunca macinavane le ulie.
Trasutu intra vidde tuttu oru e le macine le giravane o nu ciucciu o nu cavaddhru.
Lu carusu rimaniu cu l'occhi spalancati e tantu pi lu presciu sciu ntra lu paese e cuntau alli cumpagni sua tuttu quiddhru ca era istu.
Li cumpagni no critiane perce era nu carusu ca dicia buscie e no se ne cuntavane cchiui.
A nu certu puntu viddera certe vagnone ca ballavanu cu lli veli.
Quiste li faciane segnu cu le secutane; li carusi le secutara e rriara a na rutta ca te fore paria quiddhra ca era dittu lu compagnu loru.
'Nnà fiata rriati li carusi trasiane intra la rutta cu se piane l'oru, ma a ddhrai no n'cera l'oru na n'cera nu ciucciu ecchiu ca spingia le macine e quiddhre produciane ueju e tuttu era bbandunatu e chinu te ragnatile.
Quannu se ggiravane cu se uardane nu picca an giru, iddera su na chianca na scritta: "poppiti ca nu siti auru, tiniti l'oru e no lu canusciti".
L'oru ca 'ncera scrittu su la chianca era l'ueju.

 
C'era una volta un ragazzo che tutti prendevano per pazzo, perché ovunque andava raccontava bugie.

Un giorno si recò presso un frantoio dove si macinavano le olive. Entrato dentro vide tantissimo oro, e un cavallo e un asino che trainavano le macine.

Il ragazzo restò ad occhi aperti ed era così contento che tornò in paese e raccontò ai suoi amici tutto quello che aveva visto. Gli amici non gli credettero perché il ragazzo diceva così tante bugie che ormai non le contavano più.

Ad un certo punto videro alcune ragazze che ballavano con i veli. Le ragazze fecero loro segno di seguirle; i ragazzi le seguirono e arrivarono al frantoio, dove, da fuori, sembrava che quello che l'amico bugiardo aveva detto fosse vero.

Una volta arrivati, i ragazzi entrarono dentro per prendere l'oro, ma lì non c'era traccia d'oro, al contrario c'era un vecchio asino che girava la macina e produceva olio, e tutto intorno sembrava abbandonato e pieno di ragnatele.

Quando si girarono per guardarsi un po' intorno, viddero su una pietra una scritta: "poppiti (termine dispregiativo per indicare i villani) che non siete altro, avete l'oro e non lo riconoscete".
L'oro a cui si riferiva la scritta era l'olio.

 

A furmicula

(Cuntu della zona di Otranto)

'N cera 'na fiata na furmicula ca sta scupava 'ntra terra, a nu certu puntu truau nu sordu.
Cu quiddhru se ccattau pasuli e na bella pignata.
Se mise a mmienzu l'aja cu cucina e cuminciara cu passane l'auri animali.
Passau lu musciu e nci tisse: "vue cu ti mariti?"
La furmicula si 'mpaurau te lu "miao miao" e tisse none.
Passau lu cane e nci tisse: "vue cu ti mariti?"
La furmicula si 'mpaurau te lu "bau bau" e tisse none.
Passau lu puercu e nci tisse: "vue cu ti mariti?"
La furmicula si 'mpaurau te lu "scronf scronf" e tisse none.
Passau lu iaddhru e nci tisse: "vue cu ti mariti?"
La furmicula si 'mpaurau te lu "coccodè coccodè" e tisse none.
Passau nu surgicchiu e nci tisse: "vue cu ti mariti?"
La furmicula nci tisse: "tu si all'altezza mia, scia spusamune".
Scera alla chiesa e mentre stiane subbra l'altare, la furmicula si ricurdau te la pignata e tisse allu surgicchiu:
"ane, ba controlla, casomai li pasuli se brusciane".
Lu surge sciu, ma se sporse troppu e catiu 'ntra la pignata bollente.
La furmicula spittava, spittava, spittava e lu surge nu turnava mai...
Sciu cu ba controlla e bidde lu sposu sua cucinatu. Chianse e chianse tutta la notte.
A nu certu puntu lu musciu, passannu de ddhrai e bitennu la scena, 'nci tisse:
"ci vuei te consolu iou, ma m'ha dare nu stuezzu te maritu tua".
La furmicula 'nci rispuse: "sula me lu chiangu e sula me lu mangiu".

 

C'era una volta una formica che stava scavando per terra quando ad un certo punto trovò un soldo. Con quello andò a comprare una bella pignata. Si mise su uno spiazzo per cucinare, quando iniziarono a passare gli altri animali.

Passò il gatto e disse: "vuoi sposarti con me?". La formica si spaventò del suo "miao miao" e disse di no.

Passò il cane e disse: "vuoi sposarti con me?". La formica si spaventò del suo "bau bau" e disse di no.

Passò il maiale e disse: "vuoi sposarti con me?". La formica si spaventò del suo "scronf scronf" e disse di no.

Passò il gallo e disse: "vuoi sposarti con me?".  La formica si spaventò del suo "coccodè coccodè" e disse di no.

Passò un topolino e disse: "vuoi sposarti con me?". La formica gli rispose: "tu sei alla mia altezza, andiamo a sposarci".

Andarono in chiesa e mentre stavano sopra l'altare, la formica si ricordò della pignata sul fuoco e disse al topolino: "vai a controllare, casomai i fagioli si bruciano". Il topolino andò, ma si sporse troppo e cadde dentro la pentola bollente.

La formica aspettava, aspettava, ma il topolino non tornava mai... Andò a controllare e vide il suo sposo cucinato. Pianse e pianse per tutta la notte. Ad un certo punto il gatto, passando di lì e vedendo la scena, disse: "Se vuoi ti posso consolare, ma mi devi dare un pezzo di tuo marito". La formica gli rispose: "sola me lo piango e sola me lo mangio".

 

Li pesci

(Cuntu della zona di Leuca)

'N cera 'na fiata na cristiana ca ulia cu cucina nu picca ti pesce. Tisse a fijusa:
"ane a mare e ba pesca nu picca te pesce".
Lu fiju se pijau la canna, la retina e li jermi e sciu a mmienzu li scogli.
A nu certu puntu piscau nu pesce, ma appena quistu issiu de intra l'acqua 'nci tisse:
"lassame 'nauru picca, ca mo so piccinnu, passa intra qualche giurnu e so buenu".
Lu piccinnu rispuse: "timme comu te chiami, cussì fazzu menu fatica cu te throu",
e lu pesce rispuse: "me chiamu Sensu".
Lu vagnone si mise a piscare ancora.
Lu secondu pesce 'nci tisse la stessa cosa. Si chiamava "Giudiziu".
Lu terzu puru. Si chiamava "Sale".
Turnau a casa e la mamma lu pijau pi fessa. Lu piccinnu tisse: "m'ane prumisu ca la prossima fiata se facune pijare, sacciu li numi!".
La mamma 'nci rispuse: "torna tra qualche giurnu e biti ce ti rispunnune...".
Lu vagnone turnau an capu a na simana e ritau: "Sensuuuu".
Lu pesce 'nci rispuse: "Ci Sensu jeri purtatu, a mare nu m'eri minatu!".
Ritau ancora: "Giudiziuuuu".
Lu secondu pesce 'nci rispuse: "Ci Giudiziu jeri purtatu, a mare nu m'eri minatu!".
Sconcertatu, ritau allu terzu pesce: "Saleeeeee".
Lu terzu pesce 'nci rispuse: "Ci Sale jeri purtatu, a st'ura stia cucinatu!".
A casa tuccara se ccuntentane cu frise e pummitori...

 

C'era una volta una donna che voleva cucinare un po' di pesce. Disse a suo figlio: "vai a mare e pesca un po' di pesce". Il figlio prese la canna, la retina e i vermi e andò sugli scogli.

Ad un certo punto prese un pesce, ma appena questi uscì dall'acqua gli disse: "lasciami un altro po', perché sono piccolino, passa tra qualche giorno e sarò cresciuto".  Il ragazzo rispose: "dimmi come ti chiami, così farò meno fatica a trovarti". Il pesce rispose: "mi chiamo Senso". Il ragazzo si rimise a pescare. Il secondo pesce gli disse la stessa cosa. Si chiamava "Giudizio". E così il terzo pesce. Si chiamava "Sale".

Tornato a casa, la mamma lo prese in giro. Il ragazzo rispose: "mi hanno promesso che la prossima volta si faranno prendere, so come si chiamano!". La mamma gli rispose: "torna tra qualche giorno e vedi che ti dicono...".

Il ragazzo tornò dopo una settimana e gridò: "Sensooooo". Il pesce gli rispose: "se Senso avessi avuto, a mare non mi avresti ributtato!".

Gridò ancora: "Giudizioooooo". Il secondo pesce gli rispose: "Se Giudizio avessi avuto, a mare non mi avresti ributtato".

Sconcertato, gridò al terzo pesce: "Saleeeeee". Il terzo pesce gli rispose: "Se sale avessi avuto, a quest'ora sarei cucinato...".

A casa furono costretti a mangiare frise e pomodori.

 

L'artigiano e la montagna

(Cuntu della zona di Monteroni di Lecce)

C'era una volta un artigiano che stava spaccando pietre da una montagna. Faceva caldo e sentiva molta fatica. Ad un certo punto, lasciato lo scalpello e il martello, guardò un'aquila che volava nel cielo, fiera, maestosa e libera, e pensò: "quanto  vorrei essere aquila, così volerei libero nel cielo". E puff! Divenne aquila. Mentre volava, vide da lontano un castello, bellissimo, imponente, regale...e pensò: "quanto vorrei essere Re, così vivrei in quel castello". E puff! Divenne Re. Ora che era Re, poteva comandare su tutti ed essere servito e riverito. Ma ogni volta che saliva sulla torre più alta e sentiva la forza del vento, pensava: "anche il più potente dei Re è sempre meno potente del vento, il vento è forte, è libero, se fossi vento viaggerei per tutto il mondo e in un lampo sarei ovunque!". E fu così che divenne vento. Ora poteva viaggiare, andare dove voleva, e in pochi attimi poteva raggiungere i posti più remoti del mondo, ma ogni volta che incontrava una montagna, si infrangeva su quei massi, e fu così che un giorno disse: "sono vento, si, ma anche il vento si ferma davanti ad una montagna, una montagna è più forte del vento, voglio essere montagna!". E puff! Si trasformò in montagna. Ora poteva essere più forte di qualsiasi altro elemento della natura! Ma un giorno sentì un dolore ai piedi...guardò giù e vidde un artigiano che, con martello e scalpello, stava rompendo le sue pietre, e pensò: "quell'artigiano è più forte di me, della montagna! Spacca le mie pietre e io non posso fare niente... quanto vorrei essere quell'artigiano!". E puff! Tornò ad essere artigiano.

 

L'Aldilà

(nu cuntu rarissimo, ritrovato nei vecchi racconti degli anziani di Veglie)

E' morto. Così si lamentava la moglie mentre vedeva suo marito ormai moribondo. "è morto ormai e non tornerà più". Il marito, dal cielo, sentiva i lamenti funebri della moglie, e con grande umiltà chiese al Signore: "Signore, fà che ritorni sulla terra, mia moglie è sola e non ha nessuno, oltre me". Dio, impietositosi dalla scena, concesse al marito di tornare sulla terra. "Mi raccomando - disse - non rivelare a nessuno quello che hai visto qui". "Certo - rispose il marito - non dirò niente a nessuno".

Quando ormai le speranze della donna erano vane, ecco che il marito si risvegliò dal coma. "come stai?", chiese la donna. "buenu", rispose il marito. Quando tornarono a casa, lei incalzò: "dimmi, cosa hai visto nell'aldilà?". E il marito tacque. "Dai - continuò la donna - avrai visto qualcosa!". Il marito continuò a tacere. "E su, dai! Dimmi solo qualcosa!".

Il marito la guardò e disse: "jata a ci nasce e more, jata a ci campa assai, mara a ci more carusu" **. E così Dio gli tolse la parola e da allora l'uomo fu muto.

** Beato chi nasce e muore (perché non conosce il mondo), beato a chi vive a lungo (perché si gode la vita), peccato per chi muore giovane.

 

Fonte: laputea.com